Perché le altre squadre di serie A si rinforzano e il Milan no?

Roma, Inter, Napoli e sopratutto Juventus si stanno muovendo, e anche molto bene, sul mercato. Ma il Milan?

Come si è potuto notare le big di questa serie A hanno lavorato a Giugno per ottenere plusvalenze che sono quasi imposte dall’attuale sistema: quello del Fair Play Finanziario, che oggettivamente mostra i suoi difetti, disattendendo completamente i propositi per cui era stato introdotto, quello di creare una competizione maggiore in tutti i campionati e tra tutti i club europei, uscendo dalla logica “vince solo chi può permetterselo”, in termini economici, più spendi, più compri giocatori forti e di conseguenza più costosi, più hai probabilità di vincere. E vincere aiuta a vincere. Ovviamente questa logica è stata smentita dalla realtà ma il crack del sistema si evidenza dal momento in cui ci sono le prime 6-7 squadre europee e molto sotto tutte le altre.

Ritorniamo in Italia, dove ci sono tre club: Roma, Juventus e Inter che si giocano lo scettro di “regina delle plusvalenze”.

Il “trono” è occupato saldamente dalla Roma: la cessione di Manolas al Napoli e Luca Pellegrini alla Juventus, hanno iscritto nel bilancio 2018/2019, che scadeva il 30 giugno 2019, quasi un attivo di 130 milioni.

La cifra è stata ottenuta non solo grazie alle cessioni del difensore greco e alla cessione di Pellegrini, ma anche grazie sopratutto allo smantellamento della squadra attuato l’anno scorso e gli altri anni. Addii dolorosi di Alisson, Strootman, Radonjic, Gyomber, Nainggolan, Gerson, Salah Ponce e Romagnoli, con due di questi che attualmente sono campioni d’Europa essendo vincitori della Champions League. Nainggolan e Romagnoli sono fulcri delle squadre milanesi, rispettivamente Inter e Milan, dove il difensore è riconosciuto universalmente come capitano dall’universo rossonero.

Il secondo posto va all’Inter, che riesce a dare vita a plusvalenze attraverso i calciatori del vivaio, con il quale i nerazzurri ottengono da anni ottimi risultati.

Ausilio è riuscito a far valutare inspiegabilmente alcuni ragazzi del settore giovanile come Adorante, Vanheusden e Sala.

Pinamonti è un discorso a parte, l’attaccante convocato anche da Di Biagio per l’Europeo under 21 casalingo vinto recentemente dalla Spagna di un Fabian Ruiz in stato di grazia, ha dimostrato di avere tantissime potenzialità e di poter avere la struttura del grande attaccante.

Recentemente infatti è stato ceduto al Genoa, orfano di un attaccante puro dopo l’addio della stella inaspettata Piatek a gennaio alla corte del diavolo rossonero.

La regina, non di questa classifica ma del campionato da ormai 8 anni, la Juventus, è maestra in queste cose Mandragora, Sturaro, Audero e Rogerio, solo alcuni dei nomi, con la Roma è riuscita a rivendere anche Leonardo Spinazzola, che dopo una sola stagione in bianconero tra l’altro condizionata da un infortunio, cessione che ha portato nelle casse bianconere una plusvalenza di ben 26,6 milioni di euro.

“Fatta la legge, trovato l’inganno”, di dice, i top club conoscono bene il modo per evitare procedure di infrazione (ogni battuta sul governo gialloverde è ben accolta), come? Si usano mezzucci che rientrano nei parametri normativi ma non precisamente in quelli dell’etica sportiva.

Ma cosa succede al Milan? I rossoneri vivono una fase di stallo, appena arrivato il verdetto della senteza UEFA di cui si dispone di un accordo: viene garantito un anno in più per il break even, cioè il pareggio di bilancio.

Nonostante una situazione molto delicata quindi, il Milan non ha avuto necessità di fare plusvalenze entro il 30 giugno proprio perchè con la UEFA si è arrivati ad un accordo più ampio, un settlement agreement che mette sotto osservazione i bilanci ’19/’20, ’20/’21 e ’21/’22.

Il risparmio è già avvenuto in casa rossonera attraverso con il mancato rinnovo di alcuni ingaggi in scadenza, tra cui quelli di Montolivo, Bertolacci, Mauri, Abate e Zapata.

In più mai come ora il Milan ha avuto necessità di ricordarsi dall’interno, il club ha finalmente risolto il contratto con Fassone, l’ex ad, ha acquisito nuovi vertici dirigenziali quali Boban, Maldini, Massara e Giampaolo.

E nonostante i grandi colpi fatti da altre squadre, non solo di serie A, la campagna acquisti estiva è appena iniziata.

Pubblicato da Federico D'Addato

Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università di Napoli l'Orientale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: