Coronavirus, le priorità della Boldrini: “Autocertificazione non solo per uomo e donna”

Laura Boldrini, ex presidente (o per meglio dire presidentessa) della Camera dei Deputati, è da sempre attenta a tematiche sessiste e riguardanti i diritti Lgbtq+.

La problematica riscontrata dalla Boldrini è che in sei versioni di autocertificazione manchi l’alternativa che solitamente si trova in tutta la modulistica, quella riguardante la scelta tra –a e -o, con la quale l’utilizzatore/trice indica la sua appartenenza al genere maschile o femminile.

Questo è, senza dubbio, uno dei motivi per cui la Sinistra continua a perdere voti. Mancanza di concretezza, rincorsa a diritti civili collettivi di per se non condivisibili (sia chiaro, non viene messa in discussione la libera scelta dell’identità di genere o le preferenze sessuali degli individui, solo la questione secondo la quale delle esigenze personali ed individuali debbano essere in qualche maniera essere identitarie per un gruppo, in questo video la questione è esaminata meglio).

È davvero possibile che, come riporta L’Occidentale, la scelta tra due generi di fatto è diventata un’opzione reazionaria: il buon vecchio m/f delle nostre grammatiche è un temibile marcatore della vituperata differenza sessuale, e come tale costringe a una scelta rigida le enne opzioni di genere consentite dalla fluidità e dalla fantasia.

La stessa testata infatti, prosegue “alle esigenze del gender fluid danno una risposta adeguata solo gli orribili asterischi in finale di parola. Ma, appunto, sono orribili, e così all’ultimo momento si sono vergognati di metterli, non volendo peggiorare ancora il livello di cui sta dando quotidianamente prova la comunicazione pubblica. Hanno consultato una commissione tecnico-scientifica di grammatici, retori, stilisti e linguisti e – pensa e ripensa – sono addivenuti alla conclusione che il maschile “sovraesteso” e funzionale, surrogato del neutro, alla fin fine è più rispettoso dell’intimità di ciascuno e delle cinquanta sfumature del genere. E hanno optato per un tiepido –o per tutti/e/*, come si faceva anticamente.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: