Caos Lombardia: lavoratori aspettano Cassa Integrazione di marzo

Più 5 milioni di lavoratori attendono ancora la liquidazione della Cassa Integrazione del mese di marzo.

Il problema è che siamo ormai già al due maggio e molti lavoratori dovranno aspettare altro tempo a causa dei ritardi di molte Regioni che gestiscono la Cassa integrazione in Deroga.

Fortunatamente, il settore delle aziende private ha erogato anticipazioni per quasi 5 milioni ai propri dipendenti, riservandosi di compensare successivamente tale importo con i contributi dovuti all’Inps.

Come riporta il Corriere, “la fotografia che l’Inps fa della situazione regionale lascia sconcertati: se la Sicilia è il caso più eclatante di cattivo funzionamento tocca addirittura alla Lombardia la maglia nera con appena 40 pratiche di cassa integrazione ultimate”.

In Sicilia: “A fronte di un sistema imprenditoriale molto folto ed estremamente in crisi, vede al momento decretate 1175 domande e autorizzate dall’Inps 945 ma liquidate le posizioni di sole 76 aziende con 178 lavoratori che hanno percepito l’indennità. Peraltro il sistema informatico regionale è in default e la Regione ha chiesto supporto all’Anpal per uscirne fuori. Una situazione paradossale per una terra da sempre afflitta da sempre da problemi occupazionali. E mentre Abruzzo, Campania, Calabria, Puglia e Veneto oscillano attorno al 50% delle pratiche 0autorizzate, la Lombardia è realmente indietro con sole 8009 domande decretate di cui 4502 autorizzate”.

La Lombardia è l’ultima della graduatoria delle regioni, in proporzione al numero delle aziende esistenti, sempre sul Corriere infatti viene scritto che: “Situazione questa figlia dell’elevatissimo grado di burocrazia che condiziona sia la presentazione che la lavorazione delle pratiche stesse. Sia le parti sociali che gli intermediari da tempo lamentano una situazione di stallo che non promette niente di buono”. Ma tra le Regioni più efficienti invece risultano le Marche.

La regione Marche infatti, su 6456 domande decretate e 6075 autorizzate, di cui 3283 domande pagate (un terzo delle presentate) con indennità pagate a 7028 lavoratori, è la più performante.

“Il Lazio invece limita i danni: a fronte di 30.875 domande, presentate un mese fa, ne sono state autorizzate 12.410 e pagate 2921 per un totale di 6044 lavoratori, con il corollario di denunce per mancato rispetto dell’ordine cronologico della graduatoria”.

Sostieni l’informazione libera

Non abbiamo sponsor o editori, l’unico modo per continuare a trasmettere i nostri contenuti, a ripulire l’informazione e continuare ad essere liberi ed indipendenti è grazie alle donazioni. Se ti piacciono i nostri contenuti offrici un caffè.

€1,00

Pubblicato da Federico D'Addato

Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università di Napoli l'Orientale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: